‘A Flobert

Da ragazzo abitavo a Pomigliano D’Arco, cittadina dell’entroterra napoletano nota per la fabbrica dell’Alfasud.

Un giorno Raffaele, un mio compagno di classe (non ricordo se seconda o terza elementare) non venne a scuola. “Ha fatto filone” pensammo (simpatica espressione napoletana per chi si assenta ingiustificatamente da scuola; ho trovato in un Vocabolario del Dialetto Napoletano edito nel 1798 presso Giuseppe Maria Porcelli, negoziante di libri e stampatore della Reale Accademia Militare in Napoli una possibile origine del modo di dire: il collegamento viene dal termine “felatorio” che era il locale in cui si filava la lana o la seta; in senso metaforico significave timore, paura (avè lo felatorio ‘n cuorpo = avere molta paura – ”E de chelle lo fruscio e sbattetòrio – Mettèano ‘n cuorpo a nuje lo felatòrio”. Sinonimo successivo di felatorio è “filo”: ”Ch’è n’arma moscia, e nun le pò fa filo” sicché filare, filarsela, fare filone significa semplicemente ”andarsene per la paura”).

Ma non era quello il motivo dell’assenza di Raffaele. Torniamo a quel giorno…

Viernarì unnice aprile
‘a Sant’Anastasia
nu tratto nu rummore
sentiett’ ‘e ch’ paura. […]

Così inizia “’A Flobert”, canzone del gruppo “’E Zezi”, che ricorda cosa accadde l’11 aprile del 1975. Era appena passata ora di pranzo e a Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, si sentì un boato. La fabbrica Flobert, che produceva proiettili d’arma giocattolo e fuochi d’artificio, esplose. Tredici furono le vittime. I capannoni erano situati in contrada Romani, alle pendici del Monte Somma, nel vesuviano. Tanti accorsero sul luogo della sciagura temendo per la vita dei propri cari. “Nun se capette ‘niente”, dirà Ciro Liguoro, uno dei sopravvissuti. E niente si capirà per molto tempo ancora.

Era un venerdì come tanti. Al lavoro quel giorno si trovavano sessanta persone, molte donne, più remissive, con le mani più piccole degli uomini e dunque più adatte ad inserire polvere da sparo nei proiettili di gomma. Nel reparto dove scoppia la scintilla che causerà la deflagrazione si trovano tredici operai, maschi, e circa 200 mila cartucce, che per mesi verranno ritrovate per le vie del paese dai bambini che si divertivano a farle scoppiare. Dodici di loro muoiono sul colpo, solo uno si salva per miracolo. Cinque donne e cinque uomini subiranno gravi ferite. Pezzi dei loro corpi appaiono a 100 metri di distanza, di uno non si ritroverà nemmeno più il corpo. Due cadaveri carbonizzati verranno trovati dai primi soccorritori aggrappati a una rete, nel vano tentativo di scappare.

Venivano tutti da paesi confinanti: Sant’Anastia, Somma Vesuviana, Pollena Trocchia, Pomigliano D’Arco, Cercola, San Sebastiano al Vesuvio, Portici.

Dieci degli operai scomparsi avevano iniziato a lavorare solo due settimane prima. Molte delle 60 persone presenti lavoravano in nero in capannoni di legno e lamiera, privi delle più basilari norme di sicurezza. Alcuni degli operai risulteranno assunti solo 5 giorni prima dell’incidente. All’inizio si pensa che a far scattare la scintilla sia stata una cicca di sigaretta lasciata cadere da un operaio. Non è così: le inchieste successive ipotizzeranno che la causa siano alcune sostanze proibite contenute nella miscela utilizzata durante la lavorazione.

Il padrone ci aveva chiamato negli uffici pochi giorni prima per dirci che avevamo il posto di lavoro, eravamo tutti giovani e contenti. Però, ci disse, c’è una cosa, una cosa da niente, disse. Dovete costruire dei proiettili per le pistole Flobert. Però ci assicurò che non c’era nessun problema”. Pochi giorni dopo lo scoppio non c’era più nulla. Solo silenzio. Odore di morte. I funerali si tennero nella Casa del Pellegrino all’interno del Santuario della Madonna dell’Arco. Tanti gli operai presenti. I pianti dei familiari delle vittime riempiono l’aria. Dei camion militari trasporteranno le dodici bare al cimitero del paese, dove tutt’ora si trova una lapide, ormai logora e vecchia, con su scritto: “Pagarono con la vita il pane, la pietà del popolo li volle qui riuniti”.

Tra quanti accorsero sul posto per raccontare l’orrore c’era il giornalista Rai Luigi Necco. Le prime battute della sua cronaca furono prese da ’e Zezi e inserite nel disco ’a Flobert subito prima della canzone. «Dieci dei morti — spiegava Necco — erano stati assunti appena due settimane fa: non erano più contadini, non erano ancora operai. Per sfuggire alla disoccupazione e alla miseria, avevano accettato un compromesso con la morte lavorando in uno stabilimento che nonostante leggi e regolamenti si è dimostrato insicuro al pari delle micidiali baracchette dove si fabbricano fuochi d’artificio. Quello fu il primo dolore collettivo della nostra gente. Cinque anni dopo sarebbe avvenuto il terremoto». ».

La canzone de “’E Zezi” è un canto di morte e memoria. Un pianto sulle tombe di quei dodici operai, brandelli di corpi riuniti in un unico “tavuto”, una lapide posta sulle migliaia di vittime del lavoro che ogni anno fanno vergognare il nostro paese, ma non i responsabili di tanta tragedia.

‘A Flobert

Viernarì unnice aprile
‘a Sant’Anastasia
nu tratto nu rummore
sentiett’ ‘e ch’ paura.

Je ascevo ‘a faticà
manc’a forza ‘e cammenà
p’à via addumandà
sta botta che sarrà.

A Massaria ‘e Rumano
na fabbrica è scuppiata
e ‘a ggente ca fujeva
e ll’ate ca chiagneva.

Chi jeva e chi turnava
p’à paura e ll’ati botte
ma arrivato nnanz’ ‘o canciello
maronn’ e ch’ maciello!

Din’t vuliette trasì
me sentiette ‘ e svenì
‘nterr’ na capa steva
e ‘o cuorpo n’ ‘o teneva.

Cammino e ch’ tristezza
m’avoto e ncopp’ ‘a rezza
dduje pover’ operaje
cu ‘e carne tutt’abbruciat’.

Quann’ arrivano ‘e pariente
‘e chilli puverielle
chiagnevano disperati
pè ‘lloro figlie perdute.

«’O figlio mio addò stà
aiutateme a cercà
facitelo pè pietà
pè fforza ccà adda stà».

«Signò nun alluccate
ca forse s’è salvato»
e ‘a mamma se và avvutà
sott’ ‘a terra ‘ o vede piglià.

Sò state duricie ‘ e muorte
p’è famiglie e ch’ scunfuorto
ma uno nun s’è trovato
povera mamma scunzulata.

Sò arrivat’ ‘e tavule
e ‘a chiesa simmo jute
p’ò l’urdemo saluto
p’e cumpagne sfurtunate.

P’e mmane nuje pigliammo
tutti sti telegrammi
sò lettere ‘e condoglianze
mannate pè crianza.

Atterrà l’ajmm’ accumpagnat’
cu arraggiar’a ‘ncuorpo
e ‘ncopp’ ‘a chisti muort’
giurammo ll’ata pavà…

E chi và ‘a faticà
pur’ ‘a morte addà affruntà
murimm’ ‘a uno ‘a uno
p’e colpa ‘e ‘sti padrune.

A chi ajmma aspettà
sti padrune a’ cundannà
ca ce fanno faticà
cu ‘o pericolo ‘e schiattà.

Sta ggente senza core
cu ‘a bandiera tricolore
cerca d’arriparà
tutt’ ‘e sbagli ca fà.

Ma vuje nun’ò sapite
qual’è ‘o dolore nuosto
cummigliate cu ‘o tricolore
sti durici lavoratori.

Ma nuje l’ajmm’ capito
cagnamm’ sti culuri
pigliammo a sti padrune
e mannammel’ ‘affanculo.

E cu ‘a disperazion’
sti fascisti e sti padrune
facimmo un ‘ muntone
nu grand’ fucarone.

Cert’ chisto è ‘o mumento
e ‘o mumento ‘e cagnà
e ‘a guida nostra è grossa
è ‘a bandiera rossa.

Compagni pè luttà
nun s’adda avè pietà
me chesta è ‘a verità
‘o comunismo è ‘a libertà.

Raffaele tornò a scuola qualche giorno dopo, tutti sapevano ma nessuno disse niente, eravamo bambini…

Dovunque tu sia, quello ho che ho scritto valga come un abbraccio che a quel tempo non ebbi la forza e il coraggio di darti, Rafè…

Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/15_aprile_10/tragedia-flobert-13-morti-40-anni-nessuno-dimentica-fbd94f9c-df96-11e4-907c-182d452970a5.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...