La strana storia di Bob Geldolf, Paula Yates e Michael Hutchence

5 pensieri riguardo “La strana storia di Bob Geldolf, Paula Yates e Michael Hutchence

  1. Amante della musica e del mondo pop in generale, ben conoscevo gli eventi che hai narrato.
    Volevo solo aggiungere un mio personale comemnto su Michael Hutchence.
    Secondo me è stato molto sottovalutato, forse troppo. E dopo la sua morte il mondo della musica lo mise troppo presto nel dimenticatoio.
    Non che stessimo parlando di un genio della musica, ma certamente con gli INXS e con qualche progetto solista aveva ottenuto successi di vendite e di critica.
    Si è rovinato con le proprie mani, ma ci sono altri artisti (meno bravi di lui) che anche dopo la morte sono stati portati su un palmo di mano, mentre di Michael anche solo pronunciarne il nome sembra sia blasfemia.

    Piace a 1 persona

    1. Lui era certamente molte spanne sopra il resto del gruppo. Purtroppo non sono mai stato favorevole alla gente che fa uso di droghe a quei livelli, cosa che tutt’oggi non mi fa apprezzare appieno neanche i Rolling Stones (non che io abbia l’aureola, anzi 😉 ). Anzi, prossimamente parlerò del “club 27″…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...