My world award

Eccomi di nuovo “taggato”, questa volta da “Claudio“, che ringrazio.

Anche questa volta è semplice, basta seguire le REGOLE:

  • Nominare chi ti ha nominato (fatto);
  • Rispondere alle domande (poco sotto);
  • Rilanciare la sfida ad altri 10 blogger (molto sotto).

Partiamo? Partiamo!

  1. Un ricordo improvviso che riaffiora nella tua mente? In realtà è meno di un ricordo, è come un sogno, molto confuso, ed ora vi spiego perché. Nel 1973 l’Italia affrontò in amichevole l’Inghilterra a Wembley. Solo cinque mesi prima, a Torino, avevamo colto la prima vittoria (2-0) sull’Inghilterra dal lontano 1933. Ma eravamo a casa nostra, era tutt’altra faccenda. Quella che venne denominata “la partita perfetta”, a casa di quelli che allora si autoincensavano con il nome di “maestri” del calcio, fu tutta un’altra cosa. Al minuto 86′, un alleggerimento della difesa trovò libero Capello che a sua volta appoggiò a Chinaglia sulla destra; “Long John“, come veniva chiamato, saltò McFarland e centrò rasoterra dal fondo. Shilton respinse a mani aperte sui piedi dell’accorente Capello, che, al posto giusto al momento giusto, ribadì in rete da pochi passi. Un’azione da manuale del contropiede. In quei giorni io ero a Taranto, poiché a Pomigliano, a causa di un’epidemia di colera, erano state chiuse le scuole. Al goal di Capello, mio zio Pasquale, un omone grosso e con la barba tipo Bud Spencer, lanciò un urlo che penso sia stato sentito in tutto il quartiere. Perché il ricordo è confuso? Perché avevo solo 5 anni, diamine…
  2. Un complimento che hai particolarmente apprezzato nella tua vita? Non mi piacciono i complimenti, e penso sia l’unica mia forma di scaramanzia. “Bravo l’asino” diceva il mio amico Mauro a Bologna, che si dice a chi ha appena fatto bene una cosa e subito dopo ne ha sbagliata un’altra o si presume la sbaglierà. Nel senso che non verrai mai ricordato per quel di buono che fai, ma per gli errori che commetti. A questo punto, meglio nessun complimento.
  3. La cosa piu’ improponibile e divertente che hai fatto da ubriaco? Coppa Intercontinentale 1996, eravamo 0-0 (Juve-River Plate): sugli sviluppi di un corner battuto da Di Livio, stop e tiro di Del Piero (dopo la spizzata di Zidane) che non lascia scampo al portiere avversario. Ero al pub con gli amici. Abbiamo festeggiato. Non ne vado orgoglioso, ci mancherebbe, ma mi hanno trovato a discutere animatamente con un furgone sulla disposizione in campo della Juve…
  4. La scala di priorita’ che ti sei dato e sulla quale basi la tua vita? Onestà, correttezza, fedeltà alla parola data. E chest’è.
  5. Il tuo senso preferito? Sono pugliese, di Taranto, luogo nel quale forse si mangiano i piatti fra i più saporiti al mondo. Avete dei dubbi?
  6. Una parola preferita? Desueto, perché è una parola desueta. Ridondante? E’ la mia seconda preferita…
  7. Un Sogno nel cassetto? In realtà ho dei sogni (non quelli dell’infanzia dove immaginavo di diventare uno sportivo o un musicista professionista), ma li tengo per me. E qualcuno di quelli con la S maiuscola o si è già realizzato o si sta realizzando…
  8. La cosa che piu’ vi annoia di una persona? Nulla mi annoia. Mi danno fastidio le persone ignoranti e presuntuose di non esserlo. Dico di me di essere “ignorante enciclopedico”, nel senso che non so, ma di tutto. Altri non hanno questa umiltà, pur essendo molto più ignoranti di me. Ah, oltre ad essere umile, sono anche bravo, intelligente e modesto, sia chiaro…
  9. In questo periodo ti sei reso conto di aver perso? I miei vent’anni. Non già perché ne ho cinquanta, ma perché mi sto rendendo conto di quanto tempo ho perso allora, che avrei potuto usare in modo più proficuo. Ma qualunque cosa facciamo, sappiamo che il tempo ha una sola direzione e sappiamo già che questa va dal passato al futuro…

Ora le mie nomination:

Grazie a tutti. E buona Pasqua!

20 Replies to “My world award”

  1. Onoratissimo di essere stato nominato, caro Ciccio Di Castri !
    La penso come al suddetto Matteo Aceto, ma devo dirti sinceramente che mi ha piacere che altre persone si prendano la briga di scrivere il tuo nome con tanto di link al blog.
    Grazie e buona Pasqua !

    Liked by 1 persona

  2. Bel ricordo quella finale!😉E riguardo l’ignoranza enciclopedica mi accodo visto che è una cosa di cui da sempre ne ho coscienza! Il problema infatti sono gli incoscienti!😬

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...