Mai così in basso

Guardate bene quella foto.

In campo Buffon, Cannavaro, Toni, Totti, Pirlo, Gattuso, Camoranesi, Zambrotta, Perrotta, Grosso e Materazzi. In panchina c’erano Nesta, De Rossi e Del Piero, oltre a Inzaghi, Peruzzi e Oddo. Ricambi per modo di dire. Il livello qualitativo di quella nazionale era altissimo.

Sono passati dodici anni ma sembra un secolo… cosa è successo al calcio italiano dal 2006 ad oggi?

Intanto, guardiamo i numeri.

Dopo il campionato del mondo di calcio del 2006, Italia campione nella finale con la Francia, abbiamo disputato, nell’ordine, i seguenti tornei ufficiali:

  1. Qualificazioni al campionato europeo 2008 (primi nel girone davanti alla Francia, con 9 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta, non male);
  2. Campionato europeo 2008 (eliminati ai quarti di finale dalla Spagna ai rigori, solita “sfortuna” dagli 11 metri);
  3. Qualificazioni al campionato mondiale 2010 (primi nel girone con 7 vittorie, 3 pareggi e 0 sconfitte, bene);
  4. Confederations Cup 2009 (eliminati ai gironi con 1 vittoria e 2 sconfitte, male);
  5. Campionato mondiale 2010 (eliminati ai gironi con 2 pareggi e una sconfitta, malissimo);
  6. Qualificazioni al campionato europeo 2012 (primi nel girone con 8 vittorie, 2 pareggi e 0 sconfitte, bene, direi);
  7. Campionato europeo 2012 (sconfitti in finale dalla Spagna, ad un soffio dalla vittoria);
  8. Qualificazioni al campionato mondiale 2014 (primi nel girone con 6 vittorie, 4 pareggi e 0 sconfitte, benino);
  9. Confederations Cup 2013 (eliminati in semifinale dalla Spagna ai rigori, così così);
  10. Campionato mondiale 2014 (eliminati ai gironi, con l’Inghilterra, con 1 vittoria e due sconfitte, malissimo);
  11. Qualificazioni al campionato europeo 2016 (primi nel girone davanti alla Croazia, con 7 vittorie, 3 pareggi e 0 sconfitte, bene);
  12. Campionato europeo 2016 (eliminati ai quarti di finale dalla Germania ai rigori, aridaje);
  13. Qualificazioni al campionato mondiale 2018 (eliminati agli spareggi dalla Svezia, peggio di così… ).

Ora stiamo disputando la Nations League (che sostituisce le amichevoli tra nazionali) e prossimamente affronteremo le Qualificazioni al campionato europeo 2020.

Da questi risultati si capiscono un paio di cose: i rigori non fanno per noi (ne ho parlato in “Tiri fatali“), agli europei ci siamo sempre qualificati agevolmente e nel tempo siamo calati nel rendimento.

Come mai? Molti danno la colpa agli stranieri presenti nelle grandi squadre, ma io non credo sia quello il problema.

Io credo che uno dei principali problemi siano le valutazioni che vengono fatte dalle squadre proprietarie dei cartellini…come si fa a valutare 100 milioni Belotti? 50 Immobile? 60 Jorginho? 80 Chiesa (ottimo giocatore ma la juve l’anno scorso con 40 milioni ovvero la metà ha comprato Douglas Costa che gli mangia in testa) 30 Berardi? E potrei continuare.

Con queste insensate valutazioni non si permette ai giocatori di provare a fare il salto di qualità in una grande squadra e finisce che rimangono a giocare nel torino, nel Sassuolo, nella fiorentina non confrontandosi con le migliori squadre in giro per l’Europa e quando giocano in nazionale questo si vede benissimo.

E poi ci lamentiamo che Juve, Inter e Roma comprano solo giocatori stranieri?

8 pensieri riguardo “Mai così in basso

  1. In questi giorni ho avuto modo di vedermi (più volte) gli highlights di praticamente tutte le partite di quesa giornata dello Uefa Nations League, ed una cosa mi e’ apparsa assolutamente evidente e palese. Quando vedi giocare tutte le altre squadre (indipendentemente dal loro rango e valore tecnico) io vedo mettere in campo un gran agone sportivo. Vedo le squadre lottare, profondere energie. Sara’ ma io continuo a vedere in questa squadra tanta passività, rassegnazione ad un ruolo marginale… talora, e all’opposto, in alcuni spavalderia e sbruffoneria… ma mai un atteggiamento serio di chi si rimbocca le manie e lavora determinato su un obbiettivo. Certo anche il livello tecnico vuol dire tanto per i risultati (e’ che in campo davvero abbiamo giocatori che se fossero una squadra di serie A, a malapena arriverebbero a meta’ classifica)… Ma credo e rimango convinto che quello che ancora manca e’ un atteggiamento mentale e comportamentale serio; la nostra squadra e’ davvero l’immagine del nostro paese: raffazzonata, senza una sua fisionomia e stile, con alle spalle un sistema marcio (e che non e’ stato capace di cambiare nemmeno con la disfatta delle qualificazioni mondiali), beata dei tempi che furono ma altamente impreparata per competere con le colleghe europee.
    Continuo a ripetere a vari amici che dovremmo (e urgentemente) adottare il modello Inglese (ma anche Olandese) dove tutti i maggiori team di prima divisione hanno una squadra giovanile in seconda divisione, a farsi le ossa in un campionato vero e tosto. Cosi si formano giovani talenti locali pronti a prendersi il loro ruolo in serie A e a rigenerare il tessuto della Nazionale.

    Piace a 1 persona

  2. Anche io come te credo che non sia colpa degli stranieri.Se uno è bravo gioca se uno non lo è e costa pure tanto ovvio che alla Juve non va! Il problema a mio avviso nasce dalle…famiglie! Mi spiego…da bambini noi di giocava in campi che definirli di calcio era fantascienza.Spesso non c’erano nemmeno quelli se vivevi in città e giocavi in strada, nelle piazze, nei cortili.Ognuno di questi ragazzini sviluppava una sua tecnica di base dovuta al fatto di dover giocare tra buche, in pendenza ecc ecc.Qualcuno di questi ragazzini poi magari entrava in qualche squadra vera e affinava la tecnica ed apprendeva la malizia.Bene…tutto questo in Italia non c’è più ed è stato sostituito da surrogati come pseudo scuole di calcio per bambini che spesso ci vanno costretti dai genitori ma magari non sono portati.E soprattutto sono scuole che costano e che non tutti possono permettersi.Credo che conti tanto anche la cattiveria sportiva.Noi ragazzi di periferia l’avevano, oggi i ragazzi da PlayStation non ce l’hanno.Per contro, in altre nazioni le cui condizioni sono simili alle nostre di allora sfornano talenti o…come Francia,Germania,Inghilterra li pescano tra i figli degli immigrati i quali crescendo in certi contesti urbani sviluppano tutto ciò.I nostri al momento sviluppano solo tatuaggi e capigliature strane ma non sanno fare uno stop o un passaggio nemmeno se stanno da soli e un dribbling…manco sanno cos’è! Ogni altro discorso che non riparta dal far giocare i ragazzi insegnando loro gratis il gioco del calcio è solo inutile fuffa buona per scontri di poltrone e di tifosi!

    Piace a 1 persona

  3. Tutta colpa della mentalità sbagliata sin dalle giovanili.
    I giovani giocatori più estrosi e di qualità non trovano più spazio, perché viene sempre preferito quello dalla corporatura più massiccia e dalla corsa più resistente. Il gioco a due tocchi e il fallo sistematico penalizzano lo sviluppo del gioco e la crescita dei talenti.
    Non voglio essere razzista (mi conosci: non è da me) ma solo fare una considerazione: meglio uno di colore grande e grosso in mezzo al campo che un bianco dall’ottimo tocco ma dal fisico meno sviluppato.
    Mio figlio ha giocato 3 anni, ho notato tutto questo, ed ancora lo vedi nelle squadre primavera della nostra Serie A.
    Baggio, per dire, oggi in Italia non troverebbe posto.
    Potrei parlarne per ore, sul mio blog ho fatto proprio una scelta di non parlare praticamente mai di calcio, altrimenti non parlerei d’altro.

    Idolatriamo giocatori italiani che sono null’altro che “buoni” giocatori, ma che in ambito europeo/mondiale sono delle pippe colossali. E non valgono ovviamente i prezzi richiesti dai Presidenti.

    Se nazioni come Portogallo, Belgio, Croazia (che hanno 1/6 1/6 e 1/15 della nostra popolazione) ottengono risultati mirabolanti è solo colpa nostra, anche e specialmente della Federazione.
    Sono favorevole alle “Squadre B”, ma solo la Juve ha capito l’importanza di questo passo per far crescere i giovani.
    Siamo all’età della pietra, leghe commissariate, serie B in perenne caos, giustizia sportiva ridicola (Chievo e Parma dovevano essere in B), e una Serie A che andrebbe ridotta a 16-18, B a 18-20, C con 2 gironi da 20.
    Gli errori sono talmente tanti che non si sa neppure da dove iniziare.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...