‘A FRESELLA

*Parodia di “‘A LIVELLA” – di Antonio de Curtis (Totò)

Ogn’anno, alla vigilia, c’è l’usanza

con i parenti mangiare vacanziero.

Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza;

ognuno adda tené chistu penziero.

 

Ogn’anno puntualmente, in questo giorno,

di questa allegra e bella ricorrenza,

anch’io ci vado, pensando già al contorno

oppure al baccalà fatto a Vicenza.

 

St’anno m’è capitata ‘n’avventura…

dopo di aver finito il primo assaggio

(Madonna), si ce penzo, che paura!

ma po’ facette un’anema ‘e curaggio.

 

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:

s’avvicinava ll’ora d’ ‘a frittura:

io, tomo tomo, stavo per finire

buttando un occhio a qualche imbanditura.

 

“Qui abbiam finito anche il Sangiovese

per non parlar che c’è pure qualcuno

ch’ ha dato fondo a tutt’il vin pugliese

financo alla raccolta del ‘31”

 

L’arrosto con la salsa ‘ncoppa a tutto…

… sotto ‘na croce fatta ‘e fragoline;

tre mazze ‘e rucola, cu nu poc’ ‘e strutto

primo, secondo e pure ‘e patatine.

 

Proprio azzeccata ‘a mensa ‘e stu signore

nce steva tavulata piccerella

abbandunata, senza manco liquore;

pe’ segno, solamente ‘na frittella.

 

E ncoppa ‘a nu biglietto si liggeva:

“ESPOSITO GENNARO: NU BRODINO”.

Guardannola, che ppena me faceva

stu muorto ‘e famme cu manco nu bianchino!

 

Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…

chi magna tanto e chi nun magna niente!

Stu povero maronna s’aspettava

ca pure ‘o ristorante era pezzente?

 

Mentre fantasticavo stu penziero,

s’era ggià fatta l’ora dell’amaro,

e i’ rummanette ospite alberghiero,

ca panza piena… nnanze ‘o calamaro.

 

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?

Ddoje panze avvicenarse ‘a parte mia…

Penzaje; stu fatto a me mme pare strano…

Stongo scetato … dormo, o è fantasia?

 

Ate che’ fantasia; era ‘o signore,

con dolci, caramelle e nu cubbano;

chill’ato appriesso’ a isso, nu biancore!:

tutto smagrito e cu ‘a forchetta ‘mmano.

 

E chillo certamente è don Gennaro…

chillu d’ ‘o tavulillo miserando.

‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:

hanno magnato o stanno accumenciando?

 

Putevano stà ‘a me quase ‘nu palmo,

quando ‘o signore se fermaje ‘e botto,

s’avota e, tomo tomo… calmo calmo,

dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

 

Da voi vorrei saper, vile carogna,

con quale ardire e come avete osato

di farvi apparecchiar, per mia vergogna,

accanto a me che sono un blasonato?!

 

La casta e casta e va, si, rispettata,

ma voi perdeste il senso e la misura;

la vostra tavola andava apparecchiata;

vicino al bagno oppure all’entratura!

 

Ancora oltre sopportar non riesco

la vostra vicinanza puzzolente.

Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un desco

tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

 

“Signore caro, nun è colpa mia,

i’ nun l’avesse fatto, o quantomeno:

‘o metre è stato a ffa’ sta fessaria,

i’ che putevo fa’ si era già pieno?

 

Si steva posto ve farrie cuntento,

pigliasse ‘a tavulella cu ‘a brodaglia,

e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento

mme ne jesse cu tutta la tuvaglia.”

 

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,

che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?

Se io non fossi stato un abbonato

avrei già dato piglio alla violenza!”

 

“Famme vedé… piglia sta violenza…

‘A verità, signo’, mme so’ scucciato

‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,

mme scordo ca so’ mite e so’ mazzate!…

 

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?

Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?…

… Magna’ haje tu, magnare aggio pur’io;

ogniuno commensale è tale e qquale.”

 

“Lurido porco!… Come ti permetti

paragonarti a me ch’ebbi natali

illustri, nobilissimi e perfetti,

da fare invidia a Principi Reali?”

 

“Tu qua’ Natale … Pasca e Ppifania!!

 T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’ ‘a cervella

che staje malato ancora ‘e fantasia?…

‘A vita ‘o ssaje ched’e”…. è una fresella.

 

Chi passa chella porta è tale e quale,

trasenno ‘o ristorante ha fatt’ ‘o cunto

c’ha pummarola, l’uoglio e pur’ ‘o ssale

‘ncoppa a fresella sponza vann’ aggiunte!

 

Perciò, stamme a ssentì… spuorchete ‘e mmani  ,

suppuorteme vicino – e non parlarne!

Sti ccose ‘e ffann’ sulo ‘e vegetariani:

nuje simmo serie… e nce mangiamm’ a carne!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...