Un dì si venne a me un bollettino

Un dì mi ritrovai per pura sorte nel posto ove ritiran la pensione, purché non abbia coltili la morte, quei ch’ebbero ‘na qualche occupazione. Mentre m’appropinquavo a quello loco la mente mia mi diede l’illusione d’esser tornato, ‘sì solo per gioco, ai dì dell’Expo, ove per tutto il giorno, come nel più curioso videogioco, ovunque …

Pasche – parte seconda – parafrasi e spiegazione

Questa Domenica di Pasqua, come feci già tre anni fa, ho scritto una “poesia” in dialetto tarantino. Dialetto complicatissimo, come spiegherò tra qualche tempo con un paio di articoli dedicati all’argomento. Quando si scrive in “vernacolo” (dal latino vernacŭlus, cioè “domestico, familiare”, derivato di verna, “schiavo nato in casa”), che è la parlata caratteristica di …

Pasche – parte seconda

Fùscene a ‘scesa Vasto le guagnùne èsse da Sande Mimme ‘a Prucessione ci jàcchiano pe’ viche le Perdùne annante ‘a Mamma fasceno flessione. E le crestiàne, prest’ ca jesse ‘a lune vònne pe’ poste jacchiànne perdone, po' jindr’a u Carmine, celebbrazziùne, troccola, statue, banda e tradizione. 'U sciurne ca abbevesce Gese Criste, ‘u tatarànne cu …

L’eccezione – parte seconda

L’avevo detto già ne “l’eccezione” l’ispirazione mia vi trova freno quando devo far composizione che tratti di qualcosa di più ameno.   Certo, se invece scrivo da buffone paragonarmi puoi nientedimeno a un misto tra Leopardi e Pappagone, un vate a cui la “erre” viene meno!   Eppur lo devo dir, sinceramente, la lingua pure …

Carnaluvari

Carnaluvari è, ri tutt’’i banni, la festa ranni di la paci ‘n terra, nuddu cristiano si faci la guerra, a tutti c’addiventa ‘u cori ranni. In certi patti lu presepio fannu, O l’arvulu, l’addobbi, li riali, Ca cacciano accussì tutti li mali Ca de sta terra nostra fannu dannu. Cumpà Cicciu, facisti capa e muru? …