Fantascienza parte terza

Così meco ragiono: e della stanza smisurata e superba, e dell'innumerabile famiglia; poi di tanto adoprar, di tanti moti d'ogni celeste, ogni terrena cosa, girando senza posa, per tornar sempre là donde son mosse; uso alcuno, alcun frutto indovinar non so. Canto notturno di un pastore errante dell'Asia - Giacomo Leopardi - vv. 90-98 Stanza … Continua a leggere Fantascienza parte terza