Thriller

Sono passati 35 anni da quella sera. Chiamai dal mio telefono di casa (non esistevano ancora i cellulari) un mio compagno di classe. "Nino, lo stai guardando?". Descrivere quello che quel video è stato per noi adolescenti del tempo è indescrivibile. Non c'era YouTube, mtv era nato da poco e non c'erano canali dove vedere … Continua a leggere Thriller

Astral Weeks

È molto dif­fi­ci­le stac­ca­re il let­to­re CD, dopo aver ascol­ta­to Astral Weeks, senza avere in testa l’im­pres­sio­ne di avere ap­pe­na con­su­ma­to un clas­si­co. Così, dopo il primo con­tat­to, dai una ri­pas­sa­ta al tutto e, ascol­to dopo ascol­to, ti rendi conto che la prima im­pres­sio­ne era quel­la giu­sta. Van Mor­ri­son, au­to­re di que­st’o­pe­ra, è un per­so­nag­gio … Continua a leggere Astral Weeks

The White Album

Reduci dall'insuccesso del progetto “Magical Mystery Tour” e orfani del loro manager Brian Epstein, i Beatles diedero avvio a un inarrestabile declino, prima umano che artistico, e questo stato di apparente “follia interna” sarebbe esploso ben presto in una bellicosa forma di anarchia che spezzò il gruppo in quattro entità separate, scisse in modo irreversibile … Continua a leggere The White Album

Tutti morimmo a stento – Fabrizio De André

Il 1968 di Fabrizio De André non è come uno se l’aspetta. Il cantautore genovese non scrive di rivoluzione proletaria, né di perbenismo borghese. Tratta, invece, uno degli argomenti più inadatti a diventare oggetto di una canzone: la morte. Influenzato dall’ascolto dell’album dei Moody Blues “Days of future passed”, registra un disco anomalo, un album … Continua a leggere Tutti morimmo a stento – Fabrizio De André

Vengo anch’io

Lo so. Avete (tutti) pensato: “no, tu no”. Ci sono dei ritornelli che ti restano in testa, non c’è nulla da fare, per quanto ci provi non li scorderai finché campi. Uno di questi è legato proprio a quella canzone di Jannacci. Enzo Jannacci era un medico (vero, non per finta, e mi dicono anche … Continua a leggere Vengo anch’io