Pasche – parte seconda – parafrasi e spiegazione

Questa Domenica di Pasqua, come feci già tre anni fa, ho scritto una “poesia” in dialetto tarantino. Dialetto complicatissimo, come spiegherò tra qualche tempo con un paio di articoli dedicati all’argomento. Quando si scrive in “vernacolo” (dal latino vernacŭlus, cioè “domestico, familiare”, derivato di verna, “schiavo nato in casa”), che è la parlata caratteristica di … Continua a leggere Pasche – parte seconda – parafrasi e spiegazione

Pasche – parte seconda

Fùscene a ‘scesa Vasto le guagnùne èsse da Sande Mimme ‘a Prucessione ci jàcchiano pe’ viche le Perdùne annante ‘a Mamma fasceno flessione. E le crestiàne, prest’ ca jesse ‘a lune vònne pe’ poste jacchiànne perdone, po' jindr’a u Carmine, celebbrazziùne, troccola, statue, banda e tradizione. 'U sciurne ca abbevesce Gese Criste, ‘u tatarànne cu … Continua a leggere Pasche – parte seconda

La pastiera napoletana

“Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!” E’ nu sciore ca sboccia a primmavera, e con inimitabile fragranza soddisfa primm ‘o naso,e dopp’a panza. Pasqua senza pastiera niente vale: è ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale, è comm ‘o Ferragosto senza sole. Guagliò,chest’è ‘a pastiera.Chi ne vuole? Ll’ ingrediente so’ buone e genuine: ova,ricotta,zucchero e farina (e’ … Continua a leggere La pastiera napoletana